Soriano nel Cimino | Piazza Vittorio Emanuele II

Autore scheda:

Valentina Berneschi

Ubicazione:

Viale Vittorio Emanvele III, 31 Soriano Nel Cimino

Data:

XVIII Secolo

Piazza Vittorio Emanuele II è il fulcro della vita cittadina di Soriano; da qui si diramano diverse strade che conducono sia al borgo che alla periferia del paese. L’edificio di maggior interesse storico-artistico è il Duomo, che si erge sulla parte destra della piazza, rispetto al Rione Rocca.

Info: Comune di Soriano nel Cimino, piazza Umberto I n. 12, tel. 0761742235, fax 0761742252,
         ProLoco di Soriano nel Cimino
Piazza Umberto I   
         01038 – Soriano nel Cimino (VT) 
Tel/Fax 0761.746001   –   info@prolocosoriano.it
         Agostino 334.7596098   Roberto 331.3651414   Fausto 340.3609305

PIAZZA VITTORIO EMANUELE II

DESCRIZIONE

Piazza Vittorio Emanuele II è il fulcro della vita cittadina di Soriano; da qui si diramano diverse strade che conducono sia al borgo che alla periferia del paese. L’edificio di maggior interesse storico-artistico è il Duomo, che si erge sulla parte destra della piazza, rispetto al Rione Rocca; dedicato a S. Nicola di Bari, fu realizzato in stile neoclassico alla fine del Settecento su progetto di Giulio Camporese, in sostituzione della chiesa parrocchiale di Sant’Eutizio che, a causa delle modeste dimensioni, risultava insufficiente per accogliere il numero di fedeli. Al momento della sua costruzione, furono demoliti due edifici religiosi preesistenti ed eseguite opere di livellamento del terreno. La facciata in laterizio, ornata da lesene, è caratterizzata da due ordini: dorico nella parte inferiore e ionico nella superiore. I tre portali in peperino sono sormontati da un cornicione che percorre il prospetto dell’edificio, al centro del quale si apre un finestrone sovrastato da un timpano. Ai lati si innalzano due campanili, tra i quali si frappone una croce in ferro.
In fondo alla piazza si erge Porta del Ponte, principale accesso al centro storico. In epoca medievale la porta era contornata da un fossato e munita di ponte levatoio; nel XVIII secolo vennero apportati lavori di modifica per abbellire ulteriormente la costruzione; distrutta a causa del bombardamento aereo del 1944, fu ricostruita mantenendo le forme precedenti: l’attuale sistemazione riporta le sembianze di quella realizzata nel 1903 su progetto di Angelo Santocchi. All’ingresso del ponte sono poste due statue marmoree: sul lato destro è la figura di Sant’Eutizio, su quello sinistro la Vergine con Bambino. Le sculture, risalenti al Settecento, poggiano su due aree romane cilindriche, anch’esse in marmo, decorate con festoni floreali in rilievo, qui collocate in occasione dell’inaugurazione del duomo cittadino.
L’arco, costituito da conci di peperino a bugnato, è sormontato dallo stemma di casa Albani e da una lapide che ricorda l’episodio del bombardamento, sulla quale si legge: “Questa antica porta cittadina, già ampliata ed abbellita nel 1737 per iniziativa della Comunità Sorianese, distrutta poi nella incursione aerea del 5.6.1944, fu ricostruita a cura dello Stato nell’anno 1949”. Ai piedi del ponte d’accesso al borgo di Soriano, sorge una fontana di moderna fattura, realizzata nel 1996 per volere dell’Amministrazione Comunale, come ricorda la targa apposta sulla costruzione. Una serie di gradini conducono alla fonte, ornata da aiuole collocate in vasche di peperino racchiuse da un muretto esterno semicircolare.

BIBLIOGRAFIA

D’ARCANGELI V., Monumenti archeologici e artistici del territorio di Soriano nel Cimino e delle zone limitrofe, Soriano nel Cimino (Vt) 1967.
D’ARCANGELI V., Soriano nel Cimino nella storia e nell’arte, Viterbo 1981.
Soriano nel Cimino, a cura di Carivit S.p.a., autori D’ARCANGELI V., SANTOCCHI A., Viterbo 1993.
Soriano Turistica, a cura dell’Associazione “Pro-Soriano”, Soriano nel Cimino (Vt) 1970.